Nell'estate 2016 Marco Sportiello era uno dei migliori portieri in circolazione. Strisciato solamente l'Europeo in Francia, l'Atalanta ripartiva da lui per avere delle certezze dopo due stagioni da protagonista. Lui, invece, non era molto convinto. Perché il Napoli si era fatto avanti con forza, dunque la possibilità di giocare le Coppe Europee, magari al Bernabeu di Madrid, poteva avere un suo certo fascino. Così dopo il trofeo Bortolotti contro l'Eintracht di Francoforte, in una delle peggiori prestazioni che si possano ricordare, Gasperini aveva deciso di fargli capire che l'Atalanta non è un aeroporto. "Dovrà decidere lui se rimanere o no, l’importante è che lo faccia alla svelta, perché andando avanti così farà fatica a fare il titolare all’Atalanta. Lo sto studiando, se vuole andare a fare il secondo a Napoli significa che c’è qualcosa che non va, perché significa che non è pronto nemmeno per fare il titolare all’Atalanta. Il punto non è tanto il suo errore, è che deve essere convinto di rimanere qui. Altrimenti può andare".

La cessione venne rimandata a gennaio, pur con l'arrivo di Etrit Berisha. Diciotto mesi a Firenze, di cui dodici da titolare. E altri dodici al Frosinone, in una neopromossa, con il rischio di non ritornare più a certi livelli. Sportiello, nell'estate 2019, aveva qualche proposta. Ma a Bergamo poteva servire anche per la lista UEFA. In un anno è riuscito a rintuzzare l'attacco di Marco Carnesecchi, portiere dell'Under21, e ritrovare nell'ultimo periodo il posto da titolare, ai danni di un Gollini svagato.

Così cinque anni dopo Sportiello è forse pronto a essere il titolare dell'Atalanta, come vaticinato da Gasperini in quell'afosa estate del 2016. È lui il probabile numero uno (o cinquantasette) all'Alfredo Di Stefano di Valdebebas, che non sarà il Bernabeu ma è un appuntamento molto affascinante per l'Atalanta con una dimensione molto diversa da quella di prima.

Sezione: Copertina / Data: Mar 16 marzo 2021 alle 12:30
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print