Un po' a sorpresa, almeno per qualcuno, Gian Piero Gasperini ha mandato in campo contro il Genoa un undici iniziale formato integralmente da giocatori presenti anche lo scorso anno. Dal mercato sono arrivati giocatori di esperienza e qualità, ma per questa prima sfida dopo la sosta il Gasp ha scelto di puntare sull'usato sicuro. E il risultato finale, vittoria a Marassi, a quanto pare gli ha dato ragione. Anche se...

Dopo un primo tempo bloccato e un avvio di ripresa complicato sono serviti i cambi, per sbloccare la gara. De Roon si è piazzato nel mezzo al posto di Pasalic, ma la vera svolta l'ha data Luis Muriel, attaccante reduce da una bella doppietta in Nazionale. Il colombiano è entrato dopo una manciata di minuti da inizio secondo tempo, ha subito sgasato sulla destra creando un certo scompiglio e soprattutto ha voluto calciare il rigore del momentaneo 0-1. Una rete pesantissima che ha permesso alla Dea di scrollarsi di dosso paure e timori e iniziare a giocare come al solito con intensità e continue folate offensive. Il finale di gara dell'ex Fiorentina è stato condizionato da un colpo al ginocchio sinistro che lo ha molto limitato, ma in generale Muriel ha dimostrato ancora una volta quali e quante sono le sue qualità palla al piede.

E nonostante un Duvan Zapata in formato Champions, un Muriel così sarà difficile immaginarlo in panchina (inizialmente) anche nelle prossime settimane.

Sezione: Copertina / Data: Lun 16 Settembre 2019 alle 12:30
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print