Il deus ex machina dell'Atalanta è pronto per continuare il suo ciclo. Contratto in scadenza nel 2022, Gian Piero Gasperini è per distacco il tecnico più longevo di questa Serie A: 228 partite complessive alla guida della Dea, ha segnato un corso, un'epoca. Ha fatto diventare una squadra della provincia operaia del pallone, di quella che era celebre per lanciare i giovani e per poi far cassa, una grande del calcio italiano. Internazionale. L'Atalanta sulla mappa del pallone fuori d'ogni confine, conosciuta dalla Russia alla Spagna, dall'Inghilterra alla Turchia. Non più piccola cenerentola ma realtà capace di spaventare le grandi, di arrivare a un passo dal Paradiso e per il secondo anno di fila alla fase a scontri diretti.

Almeno un anno ancora Gasperini non interromperà il proprio ciclo. Nell'estate del 2019, ha firmato il rinnovo di contratto fino a quella del 2022. Il mercato delle ultime sessioni, e quello a cui già sta lavorando la dirigenza tutta, da Sartori a Zamagna, dal comparto osservatori fino alle stanze dei bottoni di Percassi, è volto proprio a continuare su questa strada. Cedere giocatori che Gasperini considera a fine ciclo, oppure qualcuno che è all'apice del suo, e puntare su ricambi, su altri giocatori capaci di rinforzarne la rosa. Le vie del mercato poi sono infinite, beninteso, ma una chiamata da una delle grandi d'Europa non pare all'orizzonte e dall'Italia altrettanto.

Sezione: Copertina / Data: Sab 27 marzo 2021 alle 16:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print