Il nuovo decreto legge Covid è atteso oggi in Consiglio dei ministri, ma alcuni nodi restano ancora da sciogliere. Non c'è accordo, infatti, nella maggioranza e tra governo e Regioni su alcuni temi, come l'estensione del Green pass e la revisione dei parametri con cui vengono assegnati i colori che identificano le fasce di rischio. Nonostante le tensioni e le posizioni distanti, il Cdm è confermato nelle prossime ore, e la linea di Palazzo Chigi è netta: bisogna intervenire subito per evitare di trovarsi di fronte all'incubo di nuove chiusure. Ecco quali sono le ultime indiscrezioni sul decreto

È ancora in corso la trattativa per definire le percentuali della soglia di occupazione delle terapie intensive e dei reparti ordinari, tra i nuovi parametri con cui saranno attribuiti i colori alle Regioni. L'ipotesi su cui si sta ancora discutendo è una soglia del 10% per le rianimazioni e del 15% per i reparti ordinari, oltre le quali si andrebbe in zona gialla

I governatori hanno proposto una soglia del 20% per le terapie intensive e del 30% per i reparti ordinari. Ma il governo sarebbe orientato a inserire nel decreto soglie più basse, anche sulla base delle indicazioni che esperti e tecnici hanno dato nei giorni scorsi, suggerendo il passaggio in zona gialla con un'occupazione superiore al 5% nelle terapie intensive e al 10% per i reparti ordinari. A riferirlo SkyTG24

GREEN PASS Le posizioni sono distanti anche sul Green pass. La richiesta dei governatori è di utilizzarlo solo "per permettere in sicurezza la ripresa di attività fino a oggi non consentite o limitate": eventi sportivi, concerti, discoteche, fiere e congressi. Quindi niente ristoranti, cinema, teatri, palestre, piscine

Sezione: #Covid / Data: Gio 22 luglio 2021 alle 08:26
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print