Ultima chiamata per Sky per l'assegnazione dei diritti tv per le 3 partite in co-esclusiva, lo scrive Repubblica.it. Sky, per l'altro pacchetto da assegnare: le gare del sabato, della domenica alle 12:30 e quella del lunedì sera, offre 70 milioni di euro, e l'assemblea di Lega di domani potrebbe accettare questa offerta. In questo modo, secondo le squadre che finora hanno fatto opposizione a Dazn, si terrebbe in sella un broadcaster con cui è in piedi un lungo sodalizio da anni, che soprattutto potrebbe rappresentare un importante elemento di concorrenza in vista del triennio successivo. Mancano tre voti per arrivare al quorum: tutto dipenderà da Bologna e Roma, che potrebbero essere seguite anche da Benevento e anche Cagliari. All’opposizione rimarrebbero così solo le genovesi, il Sassuolo e il Crotone. 

Piano B: Se non si dovesse trovare l'accordo con Sky, il pacchetto delle 3 partite dovrà essere venduto con un nuovo bando a cui potrebbero partecipare Mediaset e Amazon, che già hanno acquistato pacchetti di partite della Champions. Amazon ha in esclusiva le migliori 16 gare del mercoledì, Mediaset ha 121 gare di cui 17 in chiaro. 

Rischio ricorsi: Se Sky non vincerà la gara è probabile che la tv satellitare farà ricorso contro l'intero bando. I rapporti con la Serie A, dopo 18 anni di collaborazione, non sono semplici. Una delle ragioni di attrito ha riguardato la sesta rata dei diritti per la stagione 2019/2020. Sky chiedeva uno sconto, a causa della sospensione del campionato, mentre i club hanno preteso l'intero importo di 130 milioni, cifra versata dopo l'intervento del tribunale di Milano.

Sezione: Serie A / Data: Lun 29 marzo 2021 alle 13:45
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print