Luci a San Siro. Anche qualche ombra, se mettiamo nel computo totale il rigore sbagliato da Luis Muriel. L'Atalanta soffre e rischia, ma poi fa la voce grossa contro una squadra qualitativamente forte, ma anche ben organizzata. Il secondo tempo, poi, è tutto di marca orobica: dentro Malinovskyi e fuori Zapata, ancora non pronto per questa squadra che con il falso nueve sembra aver trovato i movimenti giusti. Ora la testa va alla Coppa Italia, una partita complessa sotto molti punti di vista. C'è un po' di rammarico per non aver portato a casa tre punti, ma il carattere non manca mai.

APPROCCIO SBAGLIATO - Non il miglior inizio per la squadra di Gasperini. Lukaku è incontenibile, Lautaro Martinez si muove tra le linee e semina il panico. Gol dovuto ad una disattenzione di Toloi, è successo praticamente quello che non vuole mai il tecnico di Grugliasco. Atteggiamento mentale sbagliato e poca convinzione, soprattutto nei momenti in cui l'Inter ha trovato lo spazio giusto per poter far male.

Nella ripresa i nerazzurri di Bergamo hanno avuto una marcia in più rispetto ai padroni di casa, l'ingresso di Muriel e i movimenti di Malinovskyi hanno cambiato le carte in tavola, sparigliando i piani di Antonio Conte. Il tutto si è tradotto in maggiore peso offensivo in favore degli atalantini, il calo fisico dell'Inter ha poi facilitato le operazioni. È mancato soltanto il guizzo finale, i legni e Handanovic hanno impedito un'altra impresa alla Dea.

TESTA ALLA FIORENTINA - Un po' di rammarico c'è, anche per via di quel rigore sbagliato da Muriel. Si torna in campo e bisogna farlo nel migliore dei modi, anche perché su gara secca non si può assolutamente sbagliare. Con i Viola ci sarà sicuramente qualche cambio, anche se conoscendo Gasperini si giocherà il tutto per tutto con la miglior formazione possibile. Si riparte con un buon pareggio su un campo complesso e con tanta fiducia, senza dimenticare quell'affascinante ottavo di Champions proprio a San Siro in una notte di metà febbraio.

Sezione: Altre news / Data: Dom 12 Gennaio 2020 alle 10:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print