Roberto Spagnolo, coordinatore unico dei lavori per lo stadio dell’Atalanta, ha fatto il punto sullo stato di avanzamento delle opere. A proposito del tempo necessario per vedere completata la struttura, Spagnolo non ha lasciato nulla al caso: «Mancano 34 giorni oggi. Questo per dire quanto è importante il tempo che ci rimane. E’ stato fatto tantissimo, ma c’è ancora da fare. Il tempo è sempre di meno, quindi c’è da mantenere questi ritmi».

A proposito della struttura dello stadio, Spagnolo si sofferma non solo sull’aspetto esterno, ma sulla grande mole di lavoro all’interno dell’impianto, fondamentale per la vita nello stadio: «Quello che è stato fatto fino ad ora è per dare la possibilità ai nostri tifosi di venire ad assistere alla partita. Tutto il resto è propedeutico al funzionamento dello stadio, quindi parte elettrica, idraulica e di condizionamento, quello che a occhio nudo non si vede».

«Ci sono poi gli spogliatoi – aggiunge spagnolo – e i locali tecnici per i vari enti che partecipano alla gara: arbitri, VAR, Procura federale. E poi i locali UEFA, perché chiaramente come sapete questo stadio quando una volta terminato sarà certificato UEFA».

Chiusura dedicata allo stato d’animo della proprietà e delle persone che stanno contribuendo alla realizzazione del progetto: «Per noi è una grossa soddisfazione, sia per l’impegno della società sia per quello di coloro che ci lavorano».

atalanta.it
Sezione: Altre news / Data: Mer 21 Agosto 2019 alle 23:00 / Fonte: calcioefinanza.it
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print