L'Atalanta, dopo un po' di tempo, sta affrontando un momento delicato da saper affrontare con grande diligenza. Tensione, nervosismi e, senz'altro, la mancanza di risultati positivi e continuativi hanno di certo influito. La Dea non trova la vittoria in campionato dallo scorso 31 Ottobre a Crotone, un mese senza i tre punti susseguiti da due pareggi con Inter e Spezia, e la sconfitta interna con Hellas Verona, senza dimenticare la brutta sconfitta tra le mure amiche contro la Samp prima appunto di questo ultimo successo in A. A tal proposito, dopo l'1-1 di Champions contro i danesi del Midtjylland, è intervenuto a dire la sua l'Editore di TuttoAtalanta.com, Lorenzo Casalino: "Non c'è nessun caso Gomez, ci mancherebbe. Sicuramente il momento della Dea è decisamente particolare, la posta in palio su tre fronti non è indifferente e l'attaccamento che ogni componente della squadra ha per l'Atalanta è altissimo. Lo scheletro di questa squadra è rimasto intatto e, in questo gruppo, abbiamo i protagonisti di ciascun record firmato Gasperini. Ci sta che questo è un momento molto particolare, da saper affrontare da grande squadra. Anche nei grandi club ci possono essere dei momenti 'sni' più che 'no', perchè stiamo parlando, ad oggi, di un'Atalanta che è comunque nei piani alti della Serie A, con una classifica molto corta, e a 90' dal termine del girone di Champions, virtualmente con un piede agli Ottavi, con un punto di vantaggio sull'Ajax. Ora è decisamente di vitale importanza non slegarsi, nessun «qui pro quo» e in tal senso c'è d'aspettarsi nelle prossime ore un incontro tra Società e spogliatoio, patron Percassi è vicino ai suoi Big, perchè ci si sta già giocando le sorti della stagione con la sfida di Amsterdarm in primis, da non sbagliare e dal campionato, dove è necessario con Udinese e Fiorentina riprendere la marcia e intere posta in palio". 

Sezione: Esclusive TA / Data: Mer 02 dicembre 2020 alle 19:45
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print