Il centravanti colombiano Luis Muriel, attaccante dell'Atalanta, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Real Madrid.

Come sta vivendo questo momento?
"Sto vivendo questo vivendo con molta allegria, giocare contro il Real Madrid è sempre prestigioso. Credo che per affrontarli dobbiamo mettere in campo tutto quello che abbiamo a disposizione, è l'unico modo per fare grandi prestazioni. Col Siviglia abbiamo cinto 3-2 in casa facendo una grande partite e nel momento di grande forma. Se si dà tutto e si crede nelle proprie caratteristiche si può vincere contro chiunque. Giocando come sappiamo possiamo competere ai massimi livelli".

Potete sfruttare il momento del Real?
"Sarebbe stato da pazzi non guardare le ultime partite. Dobbiamo stare attenti e capire che squadra affronteremo. Il Real non smette di essere una grande squadra se ha tanti infortunati. Daremo il meglio, credo che non cambia nulla nonostante gli infortuni. Ha vinto le ultime partite, la storia del Real parla chiaro: quando non gioca bene in campionato poi arriva in Champions e tira fuori il coniglio dal cilindro. Sarà una partita da giocare contro una grande squadra".

Sei diventato un uomo assist.
"Credo che in tutta la mia carriera ho fatto tanti assist, mi ricordo anche l'ultima stagione a Genova con la Sampdoria. Non ricordo quanti assist, ma sono stati tanti. Anche la prima Udine. Giocando con libertà ho sempre a disposizione l'altro attaccante da poter servire, poi noi abbiamo tanti giocatori che arrivano in area di rigore, c'è sempre una possibilità in più. È un punto di forza, fare assist può dare una mano in più".

C'è qualcosa che ti fa arrabbiare visto che sorridi sempre?
"L'allegria per me è una filosofia di vita, io cerco di contagiare anche i miei compagni. Da come vedo io la vita è così, ma le situazioni che non mi fanno essere contento cerco di non mostrarle. Preferisco mostrare Muriel contento".

Quali sono le sensazioni con lo stadio vuoto?
"A noi ci toglie tantissimo, non poter assistere a grandi eventi per il pubblico sia una grande delusione, questi momenti si devono condividere con loro, sono stati accanto a una squadra che per tanti anni ha lottato per posti meno prestigiosi, mi dispiace non giocare coi tifosi. Speriamo di averli di nuovo con noi per potersi godere tutto ciò che stiamo facendo".

Sezione: Zingonia / Data: Mar 23 febbraio 2021 alle 19:30 / Fonte: TMW
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print