Sta facendo molto discutere dal punto di vista arbitrale la decisione del tandem Rocchi-Irrati, rispettivamente arbitro e VAR di Inter-Atalanta, di lasciar correre su un episodio specifico nell'area di rigore dei nerazzurri di Milano. Al 39' sia Toloi che Lautaro Martinez cadono a due passi da Handanovic, ma Rocchi indica il calcio d'angolo. In presa diretta la dinamica era abbastanza incerta, ma dopo la revisione al monitor risulta chiarissima. E la moviola de La Gazzetta dello Sport lo sottolinea:

"Sugli sviluppi a cadere in area di fronte ad Handanovic sono prima Lautaro e poi Toloi. Rocchi non sembra avere dubbi, indica il calcio d’angolo ma i giocatori dell’Atalanta protestano vivacemente. Dopo il consulto via auricolare con la sala Var Rocchi non cambia idea. Ma cosa è successo? Al primo replay si nota un intervento che determina la caduta di Toloi, ma basta soffermarsi pochi istanti in più sui frame per notare che si tratta della mano di Lautaro che, da terra, afferra la gamba dell’avversario tirandolo giù di fronte al portiere nerazzurro. Se dal campo in presa diretta la visione può subire interferenze, il verdetto del monitor è inequivocabile. Risulta così un ancor più grave errore quello del Var Irrati che non sconfessa Rocchi mandandolo al monitor. Lo schermo avrebbe raccontato un’altra storia, che sarebbe dovuta finire con un calcio di rigore per l’Atalanta e l’espulsione per l’argentino".

Sezione: Altre news / Data: Dom 12 Gennaio 2020 alle 11:30
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print