L'Atalanta e il suo futuro. Ne abbiamo parlato con Marino Magrin, centrocampista dei bergamaschi negli anni Ottanta. "Credo che si possa essere soddisfatti - dice a TMW - non è facile fare sempre fare 2-3 gol a partita. E' stato ora ritrovato Ilicic, il giocatore delle grandi occasioni, il bello del calcio. Inventa ed è il leader adesso. Fa fare il salto di qualità".

E il Papu Gomez?
Per il momento la sua assenza non si è fatta sentire, anche se prima c'erano 2 giocatori importanti come lui e Ilicic. Ora è stato bravo Gasp con l'innesto di Pessina, la copertura c'è e ci sono anche gli inserimenti a sorpresa, magari di Toloi. Da allenatore e simpatizzante atalantino mi dispiace per la situazione del Papu. Uno come lui aveva la città ai piedi. Fino a novembre era il giocatore carismatico e trovarsi senza squadra ripeto, dispiace".

Dal mercato si aspetta qualcosa in particolare?
"Se arriva qualcuno, deve far fare salto qualità. Se non arriva nessuno, la squadra è comunque pronta per tutti gli obiettivi. Incontrare il Real Madrid in Champions è la più bella soddisfazione per una provinciale, un sogno che si avvera. E potranno esserci grattacapi per la squadra di Zidane".

Atalanta comunque in lotta per lo scudetto?
"Fino alla fine non molla, sarà tra le pretendenti anche se la Juve ancora una volta potrà farsi valere"

Lammers andrà via probabilmente: che ne pensa?
"Dispiace se parte perchè per quel che ha fatto vedere ha doti tecniche. Lo daranno in prestito forse, è un giovane che chiaramente deve giocare. Se arriva un giocatore d'esperienza internazionale è ben accetto, un altro giovane non credo possa ora essere funzionale".

Anche Mojica partirà...
"Anche per lui vale la stessa cosa, è un giocatore tecnicamente valido ma deve forse capire cosa si chiede anche se siamo all'Atalanta. Fino a 4-5 anni fa poteva starci bene nella squadra bergamasca ma ora si lotta per altri obiettivi e servono giocatori maturi".

Sezione: Altre news / Data: Gio 14 gennaio 2021 alle 13:15 / Fonte: TMW
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print