SERIE A TIM 
Domenica 10 Novembre 2019 
ore 15 Genova - Stadio Ferraris 

SAMPDORIA-ATALANTA 0-0

SAMPDORIA (4-4-2)
Audero; Bereszynski, Colley, Ferrari, Murru; Depaoli, Vieira (37' st Bertolacci), Ekdal, Jankto; Bonazzoli (12' Caprari), Quagliarella (25' st Ramirez).
A disp: Falcone, Augello, Chabot, Murillo, Rigoni, Linetty, Thorsby, Leris, Gabbiadini. All.: Ranieri

ATALANTA (3-4-2-1)
Gollini; Toloi, Palomino, Djimisiti; Hateboer (14' st Arana), de Roon, Pasalic, Castagne; Malinovsky; Gomez, Muriel (18' st Barrow).
A disp: Sportiello, Rossi F., Kjaer, Gosens, Ibanez, Kjaer, Freuler, Traoré Am. Piccoli. All.: Gasperini

Arbitro: Massimiliano Irrati di Pistoia.
Assistenti: Pasquale De Meo di Foggia ed Emanuele Prenna di Molfetta.
IV ufficiale: Ivano Pezzuto di Lecce.
V.A.R.: Aleandro Di Paolo di Avezzano.
A.V.A.R.: Alberto Tegoni di Milano.

AMMONITI:  

ESPULSI

LA CRONACA

La Sampdoria cercava continuità dopo la vittoria esterna contro la SPAL, l'Atalanta il riscatto della brutta sconfitta casalinga col Cagliari. Alla fine, visto quanto espresso dalle due squadre questo pomeriggio a Marassi (12° turno di Serie A), il pareggio a reti inviolate è sicuramente il risultato più giusto. Con un punto che dà ulteriori convinzioni ai blucerchiati di Ranieri, seppur ancora terzultimi in classifica a quota 9 punti, e rappresenta invece un secondo (mezzo) passo falso per gli orobici, ora sesti con 22 lunghezze.

Atalanta poco ispirata, la Samp tiene bene - Inizio timido a Genova. La Samp, allineata con un 4-4-2 senza trequartista, copre bene gli spazi e non si lascia sorprendere dal miglior attacco del campionato, mentre sul fronte opposto la Dea non riesce a estrarre il cilindro dal cappello. Il primo sussulto arriva così al 9' con un tiro da buona posizione di Pasalic che colpisce l'esterno della rete, poi i blucerchiati perdono Bonazzoli per un problema muscolare (dentro Caprari al 12'). Il tempo passa, proprio il neo-entrato Caprari cerca di trascinare i suoi con qualche scorribanda velenosa, ma i due reparti avanzati sono troppo sterili e si va a riposo con un bel calcio di punizione di Malinovskyi neutralizzato da Audero in chiusura e col risultato dunque ancora invariato. Buona disposizione in campo per la compagine di Ranieri, ben coperta e pronta a ripartire all'occorrenza in contropiede contro un'Atalanta poco fantasiosa.

Caos, stanchezza ed espulsione - Il secondo tempo si apre con ancora più confusione del primo, il gioco è spezzettato e si producono poche trame prolungate. Jankto viene subito chiuso bene da un'uscita provvidenziale di Gollini al 46', poi ecco la consueta girandola dei cambi: entrano Barrow e Arana da una parte e Ramirez dall'altra. L'Atalanta recrimina al 72', quando proprio il neo-entrato gambiano viene atterrato al limite da Ferrari: soltanto cartellino giallo e nessun fallo da ultimo uomo secondo Irrati. Che non è dello stesso avviso due minuti più tardi, espellendo Malinovskyi per doppia ammonizione dopo un'entrata dura su Vieira. Le sostituzioni continuano, ma la stanchezza inizia presto a prendere il sopravvento. Da una parte la Samp si accontenta così di un punto che allunga a tre partite la striscia positiva, dall'altra la Dea - con un uomo in meno - non ha più la forza di attaccare con convinzione. A Marassi finisce in questo modo, senza né vincitori né vinti. E con tante aspettative disilluse per chi si aspettava una sfida avvincente e coinvolgente.

14:51 Riscaldamento terminato, i calciatori sono ora radunati nel tunnel che porta al terreno di gioco. A breve l'ingresso in campo.

14:30 L'arbitro della gara sarà Massimiliano Irrati, mentre al VAR ci sarà Di Paolo, assistito da Tegoni.

14:26 Gasperini, invece, è costretto a fare a meno di Ilicic per squalifica, oltre all'infortunato Zapata. Con Gomez e Muriel ci sarà Malinovskyi. Sulla sinistra c'è Castagne, con Gosens non al meglio in panchina.

14:23 Claudio Ranieri conferma il 4-4-2 delle ultime partite. Al centro della difesa ci sono ancora Ferrari e Colley, con Bereszynski sulla destra e Murru sulla sinistra. In attacco il giovane Bonazzoli ha vinto il ballottaggio con Gabbiadini per un posto al fianco di Quagliarella.

10,00 - Dopo la quarta giornata di coppe internazionali e alla vigilia della terza pausa per le nazionali della stagione, la Serie A vive il suo 12° turno: ieri la prima sfida, il derby emiliano tra Sassuolo e Bologna, e domenica sera l'inevitabile conclusione, quando all'Allianz Stadium di Torino arriverà il Milan di Pioli. Di seguito le probabili formazioni di Sampdoria-Atalanta (diretta tv a partire dalle 15.00 di domenica su Sky) grazie al contributo di tutti i giornalisti di TuttoMercatoWeb.com sparsi per l'Italia:

COME ARRIVA LA SAMPDORIA - Claudio Ranieri dovrebbe confermare il 4-4-2 delle ultime partite. Il tecnico blucerchiato potrebbe confermare Ferrari e Colley al centro della difesa con Depaoli sulla destra e Murru sulla sinistra. A centrocampo Ekdal dovrebbe fare coppia con uno fra Bertolacci e Vieira con Jankto a sinistra e Thorsby sulla corsia opposta. In attacco si potrebbe rivedere Quagliarella, in ballottaggio con Bonazzoli, dal primo minuto al fianco di uno fra Gabbiadini o Ramirez; nel secondo caso di passerebbe ad un abbottonatissimo 4-4-1-1.

COME ARRIVA L'ATALANTA -Qualche problema di troppo per Gian Piero Gasperini, in dubbio Freuler e Malinovskyi che verranno valutati nell'ultimo allenamento prima della partenza per Genova. Freuler e De Roon sono candidati per una maglia in mezzo al campo, Gosens potrebbe rimanere a riposo con Castagne e Hateboer ad occupare la corsia esterna sin dal primo minuto. Gomez tra le linee a supporto di Muriel e con lui Pasalic, in emergenza Barrow potrebbe affiancare il colombiano. Zapata non è pienamente recuperato, dunque Gasperini dovrà fare la conta per capire chi mandare in campo. In difesa si va verso la conferma di Djimsiti, con Kjaer e Masiello a protezione di Gollini.

Sezione: Altre news / Data: Dom 10 Novembre 2019 alle 16:55
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print