Matteo Ruggeri, il giovane e talentuoso esterno dell'Atalanta, è tornato nella sua città natale, Zogno, con tutti gli onori dopo la vittoria dell'Europa League. L'amministrazione comunale, in collaborazione con l'Asd Zognese e il club di tifosi Zogno Neroblu, ha organizzato una grande festa in Piazza Garibaldi per celebrare questo straordinario traguardo.

LA FESTA IN PIAZZA GARIBALDI
La piazza centrale di Zogno si è riempita di tifosi entusiasti che hanno accolto Ruggeri con fumogeni nerazzurri, fuochi d’artificio e coriandoli. Un'emozione palpabile, con la presenza di tanti giovani calciatori dell'Asd Zognese, la squadra dove Ruggeri ha iniziato la sua carriera. "È bellissimo essere qui," ha dichiarato Ruggeri al Corriere di Bergamo, rivolgendosi ai bambini presenti, "ricordo quando anch'io giocavo su questi campi."

IL RICONOSCIMENTO CIVICO
Durante l'evento, Ruggeri è stato premiato con la benemerenza civica, un riconoscimento conferito dal sindaco Vincenzo Voce e dall'assessore allo Sport Luca Bossi. Al suo fianco, il fisioterapista Marcello Ginami e il biker Bruno Zanchi, anche loro premiati per il loro contributo allo sport.

LE PAROLE DI RUGGERI
"Ogni volta che torno qui, sento l'affetto della mia gente," ha detto Ruggeri, visibilmente emozionato. "Nel calcio, ogni giocatore ha una grande responsabilità, soprattutto nel nostro modulo. È fondamentale fare bene entrambe le fasi del gioco e non mollare mai, specialmente quando si gioca dalla parte del mister."

UN ESEMPIO PER I GIOVANI
Il sindaco Voce ha elogiato Ruggeri, definendolo un "orgoglio per la comunità crotonese e un punto di riferimento fondamentale per i giovani. La sua dedizione e il suo impegno sono un grande esempio per le nuove generazioni."

Sezione: Altre news / Data: Mar 18 giugno 2024 alle 00:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
vedi letture
Print