Il mercato va lasciato da parte, almeno per il momento. Luis Muriel sta vivendo un momento incredibile: la doppietta messa a segno contro l’Udinese ha permesso al colombiano di arrivare a quota 18 gol in campionato, gli stessi messi a segno in 34 giornate nello scorso anno. Una crescita esponenziale proprio grazie al gioco di Gasperini, in passato l'ex Udinese e Siviglia tra le altre era riuscito ad arrivare in doppia cifra soltanto in due stagioni. Numeri incredibili a cui tutta l’Atalanta dovrà affidarsi per poter raggiungere la qualificazione in Champions: la Dea vuole tornare nell’Europa che conta e per farlo serviranno le reti del numero 9.

GOL E SPETTACOLO - Prima di arrivare a Bergamo Muriel aveva segnato 50 gol in campionato, il tutto in dieci stagioni. In nerazzurro ha già segnato 36 gol in due stagioni, il tutto soltanto in serie A: il colombiano, grazie al 3-4-1-2 di Gian Piero Gasperini, ha trovato la giusta dimensione. Con l’Atalanta ha già messo a segno 41 reti in 79 partite, aumentando in maniera considerevole la sua percentuale di realizzazione. Nell’attuale stagione Lucho (così viene chiamato da mister e compagni) ha deciso di caricarsi la squadra sulle spalle soprattutto nei momenti cruciali sfornando assist e giocate di qualità. La prima azione offensiva contro l'Udinese racchiude il suo momento di forma: accelerazione sulla sinistra e tocco morbido per Duvan, non sfruttato dal connazionale. Un giocatore simile riesce a fare la differenza anche grazie a questi particolari.

CORSA CHAMPIONS - La gara contro la Fiorentina, altra ex squadra di Muriel, sarà fondamentale per la volata al quarto posto: il colombiano è uscito per via di un problema alla schiena, Gasperini spera di recuperarlo in fretta per potersi affidare a un attaccante che continua a migliorare partita dopo partita. Dopo la partenza del Papu è Lucho l’uomo Champions: l’Atalanta baila como el Muriel, con l’obiettivo europeo a far da sfondo a una stagione già straordinaria di suo.

Sezione: Copertina / Data: Mar 06 aprile 2021 alle 12:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print