Matteo Pessina, dalla Nazionale di Mancini al tempio di Anfield in Champions, bussando prepotentemente nel dire la sua nello scacchiere titolare di Gasperini anche in campionato. L'Hellas Verona lo voleva a tutti i costi, dopo l'ottima stagione trascorsa in terra scaligera, e possiamo certamente capirne anche i motivi. Non avrà sicuramente le caratteristiche di Marten de Roon, però Pessina si sta rivelando una carta preziosa per l'Atalanta e Gasperini, che non è un allenatore che non bada al caso, ha dato lui continuità di rendimento. Il centrocampista nerazzurro, cresciuto nel fertile vivaio di Zingonia, sta conquistando la fiducia del suo allenatore, al cospetto di una duttilità tattica cui si è fatto trovare pronto, e una condizione ritrovata perfettamente, dopo i postumi dell'infortunio subito col Verona nella finale dello scorso campionato di A. 

GLI INCROCI DEL DESTINO - E ora l'Hellas Verona, squadra che lo ha consacrato nel massimo torneo nazionale e che sicuramente Pessina vorrà vivere dall'inizio contro i suoi ex compagni. Personalità e lavoro sporco nella sfida contro il Liverpool, senza mai distogliere guizzo e gamba a proporsi nella fase offensiva. Pessina c'è, e sicuramente si ricandida ad una maglia da titolare anche Sabato sera al Gewiss Stadium 

Sezione: Copertina / Data: Gio 26 novembre 2020 alle 23:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print