La Panchina d’Oro è l’ennesimo riconoscimento per una stagione al di fuori dell’ordinario, ma Gian Piero Gasperini sta già pensando al futuro. Durante la premiazione il tecnico non ha nascosto le proprie ambizioni: Bergamo e l’Atalanta rimangono una priorità, nonostante le varie voci che si susseguono nel mondo del toto-allenatori. Questa squadra può migliorarsi - come ribadito dall'allenatore di Grugliasco - e la programmazione è già cominciata negli uffici di Zingonia. Il tutto però passerà dalla qualificazione alla prossima edizione della Champions League: i nerazzurri devono inanellare una serie di risultati utili per poter portare a casa il terzo pass consecutivo. Un obiettivo ambizioso, ma alla portata di un club in continua crescita: prima l’Europa che conta, poi si penserà al futuro. 

FUTURO NERAZZURRO - Le voci non mancano, soprattutto dopo l’ennesimo campionato giocato ai vertici. Il modus operandi di Gasperini piace ai top club di serie A, ma viste le parole del tecnico il futuro (salvo clamorosi ribaltoni) sarà ancora a tinte nerazzurre. Inoltre la frecciata alle grandi - definite corazzate mediatiche proprio dal Gasp in una recente intervista - può essere interpretata come un segnale, l’ennesimo, di amore eterno. O quasi. Di sicuro le prossime gare saranno decisive per tirare le somme e programmare la prossima stagione, ma visto quanto accaduto difficilmente la proprietà lascerà partire il “tecnico dei miracoli”. 

OBIETTIVO CHAMPIONS - Il tutto passerà ovviamente dalla qualificazione europea. Ormai la compagine orobica ha fatto capire a tutti quali sono le intenzioni, ma soprattutto quale sarà la nuova dimensione del club nei prossimi anni. Di certo la Champions non sarà un obbligo, ma visto il momento attuale la Dea deve provarci di nuovo. Sabato arriverà la prima occasione: contro l’Udinese bisognerà portare a casa punti fondamentali per poter dare un ulteriore segnale alle dirette concorrenti.

Sezione: Copertina / Data: Gio 01 aprile 2021 alle 10:45
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print