Intervenuto in diretta sulla pagina Instagram di Footballtime.it, il centrocampista crociato Jasmin Kurtic ha parlato in termini entusiastici del suo approccio con Parma: "Mi sto trovando benissimo. Il Parma è stata la società che mi ha voluto di più. Per me è stata una decisione facile, questo club ha passato di tutto: ha avuto un passato bellissimo ma anche meno felice. Il Parma ha avuto campioni del mondo, campioni d'Europa, ma poi è anche stato nel 'buco nero' del fallimento, ripartendo praticamente da zero. Per questo bisogna tirar giù il cappello, sono stati forti. E' rimasto Lucarelli, che mi ha raccontato un po' di cose. Ho accettato questa sfida e voglio dare il massimo per Parma".

Ti saresti visto bene in questa Atalanta?
"L'Atalanta sarà sempre nel mio cuore: chi è stato a Bergamo sa cosa vuol dire indossare quella maglia lì. C'è gente seria, dal magazziniere al presidente. L'Atalanta adesso è tra le squadre più forti in Europa, è venuto fuori tutto il lavoro di Gasperini, un allenatore che ti fa dare in campo il 101%. Il mister non mi voleva far partire, ma io non ero contento, perché avevo poco minutaggio. Sapevo di avere attorno giocatori di qualità, non avevo paura di lottare per il posto, però alla fine mi è arrivata l'opportunità dalla SPAL e sono orgoglioso di averla colta. La SPAL era una specie di Atalanta per me, sono due squadre che porterò per sempre nel cuore".

Il compagno più forte con cui hai giocato?
"Pizarro della Fiorentina. Non gli toglievi mai la palla, era molto rapido nei pensieri e nel girarsi".

Pensavo dicessi Gomez o Ilicic.
"Ho molta stima per entrambi, stanno facendo delle cose meravigliose. Con Ilicic l'Atalanta ha fatto un passo in avanti, ma tutta la squadra sta lavorando bene".

Il compagno più simpatico?
"Io ho avuto tanti compagni simpatici, però uno che mi è rimasto veramente nel cuore è Masiello: è una persona perbene, gli voglio tanto bene. Ancora oggi ci sentiamo sempre, ci siamo fatti delle risate che non puoi neanche immaginare".

C'è fiducia per la ripartenza del campionato?
"Sì, anche perché ora ci si può allenare in gruppo. Per me il campionato ricomincerà".

Ti piacerebbe chiudere la carriera in Italia o vorresti vivere un'avventura anche all'estero?
"A me piacerebbe giocare anche all'estero, in particolare in Premier e Bundesliga: sono due campionati che mi piacciono tantissimo. Ora però sono appena arrivato a Parma, voglio fare le cose per bene qui. Poi vediamo".

Sezione: L'angolo degli ex / Data: Dom 24 maggio 2020 alle 17:45
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print