Il problema infortuni ha tormentato il Milan per tutta la stagione e anche nel match più importante del campionato, stasera contro l’Atalanta a Bergamo, i rossoneri arriveranno con il reparto d’attacco in emergenza. Fuori Ibrahimovic, non ce la fa Rebic per un problema al polpaccio, Mandzukic ha massimo un tempo nelle gambe, dunque l’unico arruolabile dal primo minuto è Leao. Il portoghese però non è una vera punta (solo sette gol in tutta la stagione), e per scardinare la rocciosa difesa atalantina servirà una prova super da parte di tutto il collettivo. Per il Milan, costretto a vincere contro una squadra che ha sempre sofferto in questi anni, servirebbe un miracolo, la partita perfetta per accedere in Champions League: “Il Milan ci deve credere perché ha dimostrato tutto l'anno di essere forte e vicino alle migliori squadre del campionato”, ha spiegato il tecnico Stefano Pioli. “Deve crederci perché abbiamo dimostrato le qualità, lo spirito, gli atteggiamenti, la volontà di essere una grande squadra. Dal 17 settembre abbiamo giocato ogni 4-5 giorni e non abbiamo mai mollato, dando sempre tutto. Cosa serve con l’Atalanta? Forza mentale, compattezza e qualità".

Il problema infortuni però è stato pesante, ha condizionato la stagione del Milan. "Hanno sicuramente inciso, soprattutto perché abbiamo avuto due blocchi d'infortuni con reparti quasi completamente fuori che ci hanno condizionato sulle diverse competizioni. Per le partite che abbiamo giocato siamo leggermente sopra media, ma abbiamo avuto occasioni con 6-7 giocatori fuori e questo ci ha condizionato. Da lunedì dovremo valutare su cosa si potrà fare meglio per le prossime stagioni".

Stefano Pioli da quando allena il Milan non ha mai battuto l’Atalanta, l’unica big che ha sempre dato filo da torcere ai rossoneri: “La motivazione è massima. Tutto quello che abbiamo fatto è stato fatto per arrivare ad avere ottime possibilità di raggiungere un risultato importante. La squadra non ha mai avuto paura. La paura è come il fuoco: se lo gestisci bene ti scalda, altrimenti ti brucia”, ha concluso l’allenatore rossonero.

Sezione: L'avversario / Data: Dom 23 maggio 2021 alle 08:45
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print