In un panorama calcistico in continua evoluzione, dove i giovani talenti sono al centro dell'attenzione per prospetto e talento, la storia di Vanja Vlahović (2004) emerge come un esempio di eccellenza e di promessa. Il giovanissimo attaccante della Primavera dell'Atalanta ha catturato gli sguardi e i cuori con una stagione da protagonista (16 gol in 17 partite), segnando una quantità impressionante di gol. Di fronte a voci di mercato e al crescente interesse da parte di club di categoria superiore, ci siamo rivolti a una voce che segue attentamente da vicino la crescita del giovane centravanti, cioè Lorenzo Casalino, editore e direttore responsabile di TuttoAtalanta.com, per approfondire il dibattito sulla gestione di questo gioiello che sta facendo vedere grandi cose nel fertile vivaio di Zingonia. Il suo punto di vista non solo getta luce sul futuro di Vlahović, ma offre anche una riflessione più ampia sul percorso di crescita dei giovani talenti. 

Direttore, Vlahović è sulla bocca di tutti dopo le sue eccezionali prestazioni con la Primavera dell'Atalanta. In serata sono emersi  attendibili rumors di club che lo visionano da tempo, tra cui quello della Reggiana di Alessandro Nesta, squadra di Serie B. Come valuta questa situazione, soprattutto in relazione al dibattito sull'opportunità di farlo giocare già in categorie superiori, tenendo conto del contesto attuale dell'Atalanta e dei suoi giovani talenti?
"Sì, è vero, le prestazioni di Vlahović non sono passate inosservate e l'interessamento della Reggiana conferma il suo talento. Tuttavia, credo che, in questo momento, sia fondamentale ponderare attentamente la sua crescita. Nonostante l'interesse di un club di Serie B sia lusinghiero, dobbiamo considerare il percorso che l'Atalanta ha progettato per i suoi giovani. Con l'Under 23, i Percassi e la Sociertà ha creato un ambiente ideale per permettere ai talenti come Vlahović di crescere e affrontare sfide più impegnative, mantenendo sempre una visione a lungo termine".

Lo avrebbe già visto in un debutto in Serie A? 
"Sì, c'è stata la tentazione di promuoverlo direttamente in prima squadra, soprattutto durante periodi di emergenza Gasperini ha avuto difficoltà in avanti, ma credo che sia stato giusto in quel periodo convocare Cissè, che già conosceva l'ambiente e con il tecnico e il gruppo aveva già avuto modo di giocare nella passata stagione. Credo sia essenziale non bruciare le tappe - spiega Casalino -, il confronto con altri giovani talenti, come il caso di Camarda al Milan, dimostra che ogni talento ha il suo percorso. Vlahović ha un potenziale enorme, ma credo sia giusto che continui la sua crescita in un ambiente familiare, e poi perchè no provare a confrontarsi step alla volta grazie alla grande opportunità che da quest'anno la Dea può avvalersi come l'Under 23 in Serie C. L'interesse di club di Serie B lusinga il club e credo anche lo stesso ragazzo e dimostra la qualità del vivaio atalantino, ma la priorità rimane il benessere e lo sviluppo equilibrato dei giovani che seguono un percorso specifico a Zingonia per diventare calciatori. Vlahović, come altri suoi compagni di egual talento, deve poter affrontare sfide crescenti, ma all'interno del percorso che l'Atalanta ha scelto per loro".

Lorenzo Casalino
© foto di TuttoAtalanta.com
Sezione: Esclusive TA / Data: Sab 27 gennaio 2024 alle 03:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
vedi letture
Print