L'ultima sfida del girone preliminare di Champions League della Dea valevole per il passaggio del turno agli Ottavi di finale, è promossa da FRANA GOMME MADONE. Frana Gomme, conosciuta nel settore dall'inizio degli anni ottanta è un punto di riferimento per tutti quegli automobilisti e motociclisti che abbiano a cuore la propria sicurezza e quella di chi li circonda. Collocata in Via Pizzo del Diavolo, 6 - Madone \ info 035 995136 | https://www.franagomme.it/

SHAKHTAR-ATALANTA 0-3
Gollini 8 - Nel gelo del Metalist Stadium deve scaldarsi quasi subito, ma la grande parata arriva a metà primo tempo sul colpo di testa, a botta sicura di Junior Moraes. Nella seconda frazione si ripete ancora, stavolta su una stoccata da dentro l'area, apprezzabile la tecnica seppur il gioco fosse fermo. Chiude la porta ancora su Marlos, a cinque dalla fine. Una muraglia.
Masiello 6,5 - Attento, soprattutto negli anticipi, perché quando gli avversari scivolano dietro di lui non ha la forza esplosiva per riprenderli (dal 60' Malinovskyi 7 - È la sua partita e si vede, tiene tutti i palloni, serve l'assist per Pasalic, prova anche a segnare. Impatto ottimo).
Palomino 7 - Cerca costantemente di far sentire il fiatone sulle gambe di Junior Moraes, pure quando non potrebbe arrivarci.
Djimsiti 6,5 - Dei tre difensori è quello che prova a sganciarsi con più frequenza. Ha poca qualità però nel proporre le giocate su Castagne, per questo spesso è inefficace.
Castagne 7,5 - Corre avanti, torna indietro. Ha come cliente Taison, il peggiore, quello che ha deciso l'andata con le sue accelerazioni. Prova a salire e retrocedere, presente come sempre in area quando c'è da segnare.
De Roon 7 - In mezzo al campo prova a cucire e spezzare il gioco degli avversari che, però, sono meno palleggiatori è molto più contropiedisti.
Freuler 7 - Qualche geometria buona se la inventa, ma è pur sempre incudine e non martello. Nel secondo tempo trova interventi da grande interditore.
Gosens 6,5 - Timido, alle volte non riesce a contenere un Tete che corre molto sulla sua fascia. I problemi arrivano sempre dalla sua zona di campo. Sarebbe il meno positivo, ma al novantesimo la chiude lui con una spaccata.
Pasalic 8 - Quasi ovunque, riesce con personalità a farsi dare il pallone. Ha subito l'occasione per sbloccare la partita, ma Muriel gliela dà leggermente lunga. Poi però, come il professionista degli inserimenti che si sta dimostrando, come un falco piomba sulla punizione di Malinovskyi.
Gomez 7 - Tuttocampista, più che fantasista, a metà del primo tempo capisce dove va a finire una palla e fa 30 metri di scatto per intercettarla. Protagonista con l'assist per l'1-0 (dal 90' Hateboer s.v.).
Muriel 6 - Ha due peccati mortali, praticamente subito: può tirare a porta vuota ma preferisce l'assist per Pasalic, leggermente lungo. Poi si allarga in un contropiede che potrebbe essere letale. Ha il merito però di accendere Gomez in occasione del gol (dal 71' Ibanez 6 - Si presenta con un liscio che difficilmente si scorderà, in mezzo all'area).

Sezione: Il Pagellone / Data: Gio 12 Dicembre 2019 alle 00:08
Autore: Redazione TA
Vedi letture
Print