La riduzione del numero di squadre di Serie A da 20 a 18 a partire dal 2023 - ricorda il Corriere della Sera - è uno dei punti del programma annunciato da Gabriele Gravina al momento della rielezione. Ieri la società di consulenza Deloitte ha illustrato nel corso della riunione un'analisi sull'impatto economico, Gravina ha invitato i presidenti collegati a ragionare di sistema, in un clima di collaborazione. Questi nel primo vertice si sono limitati ad ascoltare anche se pare evidente che solo un gruppo minoritario di 5-6 club vedrebbe di buon occhio un torneo ridotto: ovvio che due terzi della Serie A guardi invece con apprensione alla svolta, chiedendosi quante squadre diventerebbero beneficiarie del paracadute. Sarebbe meglio incidere e tagliare in Lega Pro, esageratamente ridondante. Domani tutte le componenti, quindi anche Lega di B, Lega Pro, Dilettanti, calciatori e allenatori, torneranno a riunirsi a Roma. La Serie A non ha espresso una posizione unitaria con cui presentarsi, la strada sembra in salita.

Sezione: Rassegna Stampa / Data: Gio 22 luglio 2021 alle 08:03
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print