Nel modo più incredibile, dal giocatore meno atteso, l'Inter si porta a casa il derby completando la rimonta al settimo minuto di recupero e vola in semifinale. Decide Christian Eriksen su punizione al 97', dopo che il danese era entrato all'88', in previsione dei tempi supplementari. Inter che soffre contro il Milan, va sotto ma trova la forza di reagire, aiutata dall'espulsione di Ibrahimovic al 58'. Proprio lo svedese aveva portato i rossoneri in vantaggio al 31'. Barella si conquista un rigore al 69' (grazie all'intervento del VAR), Lukaku lo trasforma due minuti più tardi, infine la punizione pennellata dell'ex Tottenham per 2-1. Il danese è inevitabilmente l'uomo della partita e forse la rete è davvero un segno del destino sul suo futuro, ormai destinato ad essere ancora dell'Inter fino al termine della stagione. Lo stesso Antonio Conte ha ribadito a fine partita che il trequartista resterà e che sta studiando da playmaker, per dare un'alternativa a Marcelo Brozovic. Quando a Lukaku, il belga è stato protagonista di una rissa sfiorata con Ibrahimovic che in breve tempo ha fatto il giro del mondo. Il gigante nerazzurro ha quasi ceduto alle provocazioni, venendo nell'intervallo fermato da giocatori e staff. Una fortuna per lui e per la stessa Inter, che grazie al suo rigore perfetto ha iniziato la rimonta, mentre Ibra era già da qualche minuto sotto la doccia. Inter in semifinale di Coppa Italia, aspettando Juventus-SPAL. Nella partita d'andata mancheranno Hakimi e proprio Lukaku per squalifica. Poco male, l'importante è essere ancora in corsa.

Sezione: Altre news / Data: Mer 27 gennaio 2021 alle 05:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print