Chi non ricorda la maledizione degli ottavi di finale del Real Madrid dal 2005 al 2010? Sei eliminazioni consecutive per i Blancos dalla competizione più importante d'Europa e un appuntamento con la Decima, poi vinta con Ancelotti in panchina nel 2014, rimandato di anno in anno. Adesso siamo ancora lontani da quei numeri, ma l'Atalanta di Gian Piero Gasperini proverà a far arrivare a tre le eliminazione consecutive agli ottavi di finale degli spagnoli, andando alla caccia dell'ennesimo miracolo europeo dopo quelli della passata stagione e il girone passato in questa edizione. Servirà un'impresa, senza mezzi termini, perché se da un lato è vero che il Real Madrid non sta attraversando uno dei migliori momenti della sua storia, dall'altro è altrettanto vero che quando si affrontano le Merengues in gare a eliminazione diretta è quasi impossibile partire con i favori del pronostico. La Dea non avrà però niente da perdere e proverà ad arrivare per il secondo anno di fila ai quarti eliminando una spagnola, dopo il doppio successo del 2020 contro il Valencia, prima che la pandemia fermasse il mondo del calcio.

Crederci non costa niente e i nerazzurri proveranno a sfruttare le lacune della formazione di Zinedine Zidane che ha già fatto tantissima fatica nella fase a gironi, staccando il pass per gli ottavi soltanto all'ultima giornata in un gruppo molto equilibrato, dove la differenza l'ha fatta la doppia vittoria contro l'Inter, a Valdebebas prima e a San Siro poi. Anche la distanza dal tempio del pallone chiamato Santiago Bernabeu potrà essere un vantaggio che l'Atalanta dovrà cercare di sfruttare, perché giocare all'Alfredo Di Stefano sarà tutta un'altra cosa, sia per i padroni di casa che per Ilicic e compagni, pronti a cercare di mettere il bastone tra le ruote al Real e, per dirla alla Guardiola, far trascorrere una doppia seduta dal dentista ai campioni di Spagna in carica.

Sezione: Copertina / Data: Mar 16 febbraio 2021 alle 20:00
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print