L'Atalanta espugna Marassi. La squadra di Gasperini (assente in panchina per squalifica, al suo posto il vice Gritti) supera a domicilio la Sampdoria di Ranieri grazie ai gol di Malinovskyi (40') e di Gosens (70'). Riparte dunque la marcia dei nerazzurri - dopo lo stop infrasettimanale subito in Champions contro il Real Madrid - che prendo la Juventus al terzo posto e mettono ulteriore distanza con la Lazio. La Samp si arrende dopo una buona gara in cui, soprattutto nel primo tempo, avrebbe meritato di più, ma per gli uomini di Ranieri, al decimo posto con 30 punti, è un ko quasi indolore. Mezz’ora in campo per Ilicic nel secondo tempo.

Le scelte iniziali - Dopo la sconfitta in Champions contro il Real, l'Atalanta affronta la trasferta di Marassi contro la Sampdoria reduce dal ko con la Lazio. Gasperini senza Zapata sceglie Pasalic e Malinovskyi a supporto di Muriel: parte ancora dalla panchina Ilicic. Ranieri rivoluziona l'attacco: Verre-La Gumina. Panchina per Quagliarella, Keita e Candreva.

Prime schermaglie - A Marassi il primo tiro nello specchio arriva al 6' con Muriel, che dopo un lungo giropalla dell'Atalanta ci prova dal limite (conclusione centrale bloccata da Audero). La risposta dei padroni di casa però non si fa attendere e arriva tre minuti dopo: disattenzione della difesa dell'Atalanta, con un passaggio intercettato a Palomino. Jankto prova il sinistro, conclusione forte e all'angolino che costringe Sportiello ad allungarsi per mettere in angolo. Dopo il primo giallo della gara (a Freuler, ndr), è ancora il portiere nerazzurro bravo a deviare la bella punizione di Damsgaard.

Pressione Samp - Fase centrale della gara col marchio blucerchiato. Al 20' Damsgaard trova Augello che da sinistra, sulla linea di fondo, mette in mezzo un pallone teso. De Roon salva chiudendo sul primo palo. La Samp sembra essere messa meglio in campo, l'Atalanta invece non riesce ad uscire con ordine dalla metà campo, se non con Malinovskyi (tiro sul primo palo bloccato da Audero).

Vantaggio Atalanta - Sul finale di primo tempo, con le occasioni di Pasalic e Maehle, l'Atalanta torna a farsi viva e trova il vantaggio con Malinovskyi. Splendida l'azione dell'Atalanta che ha portato al gol, con lo scambio nello stretto tra Malinovskyi e Muriel, con quest'ultimo che "consegna" il pallone al compagno appena dentro l'area, fiondata di sinistro e palla sotto l'incrocio dei pali. Per Muriel, 5° assist in campionato. E il primo tempo termina col vantaggio nerazzurro.

Gol annullato e primi cambi - Il secondo tempo inizia con gli stessi 22, ma la prima occasione è sempre a firma Atalanta col gol annullato a Maehle per un precedente fuorigioco di Pasalic. Dopo un quarto d'ora via ai cambi: fuori Pasalic e Muriel, dentro Pessina e Ilicic per i nerazzurri, nella Samp entrano Keita e Quagliarella per Verre e La Gumina.

Da esterno a esterno - Dopo un'altra girandola di cambi, l'Atalanta al 70' trova anche il raddoppio legittimando la pressione messa in campo anche nel secondo tempo. Azione prolungata e paziente dei nerazzurri, che fanno girare a lungo la palla attorno all'area della Samp alla ricerca del momento giusto: alla fine è Maehle a crossare dalla destra verso il palo lontano, Gosens taglia alla sua maniera e conclude anticipando un Candreva distratto. Un gol dell'Atalanta nato "da esterno a esterno".

Il finale non cambia - Nel finale la Samp prova a rendersi pericolosa dalla parti di Sportiello ma lo fa con poca precisione. L'Atalanta invece sfrutta le ripartenze con i nuovi entrati Ilicic e Pessina: il tiro di quest'ultimo - al termine di una discesa dello sloveno - è insidioso e ben angolato ma Audero salva in extremis deviando in calcio d'angolo. Il risultato, però, non cambia e anche i 3' di recupero scivolano via: l'Atalanta batte la Sampdoria ed espugna Marassi con i gol di Malinovskyi e Gosens.

Sezione: Copertina / Data: Dom 28 febbraio 2021 alle 14:28
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print