Tra tante incertezze ci sono due punti fermi. L'Atalanta si allena e Zapata non si tocca. I nerazzurri proseguono il lavoro collettivo sui campi del centro sportivo Bortolotti di Zingonia: due giorni in cui sono state effettuate doppie sedute, una sorta di "richiamo" che si utilizza a metà stagione per poter mantenere alta la condizione fisica. D'altronde con Gasperini era difficile immaginare una ripresa con il freno a mano tirato. Suda e fatica anche Duvan Zapata: l'attaccante colombiano ha molti corteggiatori sparsi in Europa, tra cui l'Atletico Madrid di Diego Simeone, che nelle ultime settimane sta cercando un nuovo numero 9. Per il momento però non ci sono stati contatti e la società non vuole assolutamente cederlo.

ZAPATA NON SI TOCCA - Il rapporto tra giocatore e dirigenza è solido, inoltre il bilancio nerazzurro al momento non obbliga ad eventuali sacrifici. Lo scorso anno Zapata poteva essere ceduto in caso di super offerte (si parlava di circa 60 milioni di euro), ma ad oggi il colombiano è incedibile. Se non ci saranno richieste da parte del giocatore - che però ha confermato in una recente intervista di trovarsi benissimo a Bergamo - il club non ascolterà nessuna proposta. Gasperini lo stima e, nonostante l'infortunio che lo ha tenuto fermo per circa tre mesi, Zapata sembra essere soddisfatto della sua avventura in nerazzurro.

DOPPIO ALLENAMENTO - Nel frattempo il gruppo continua ad allenarsi a Zingonia da mercoledì. Sabato c'è stata la partitella in famiglia, domenica una giornata di riposo. Lunedì la rosa è tornata ad allenarsi, sempre rispettando le indicazioni che sono arrivate da parte del comitato tecnico-scientifico. Doppia seduta martedì, così come ieri: prosegue la preparazione fisica in vista di un'eventuale ripresa. I dubbi rimangono - vista anche la situazione generale -, ma tra intensità e giocatori che non devono muoversi da Bergamo l'Atalanta cerca di farsi trovare pronta. Ora manca soltanto il via libera, ma i nerazzurri hanno già le loro certezze.

Sezione: Copertina / Data: Gio 28 maggio 2020 alle 08:15 / Fonte: Patrick Iannarelli
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print