UDINESE-ATALANTA 2-3

Gollini 6,5 - Pronti-via e deve uscire su Fofana, come contro il Sassuolo. Non può fare niente sul pareggio di Lasagna, graziato da Walace quando gli passa il pallone.
Toloi 6 - Ha poco lavoro, anticipa gli avversari ed è presente quando deve. Si perde Lasagna in mezzo all'area in collaborazione con Palomino.
Caldara 6 - Teodorczyk non dà grossi problemi, un po' di più Lasagna: quando deve stenderlo lo fa senza messe misure.
Djimsiti 4,5 - Si fa svilare via da Lasagna in tre o quattro occasioni. Non riesce a stargli dietro, forse perché non al massimo della condizione (dal 45' Palomino 6 - Come un cane con l'osso, non lo molla mai. Più sicuro di chi sostituisce).
Hateboer 5,5 - Non straborda sulla propria fascia, Sema nel secondo tempo lo punta più volte e lui va in crisi, probabilmente in carenza di ossigeno (dal 59' Gosens 6 - Si fa vedere pochino rispetto al solito).
Freuler 6 - Ha gioco facile nel recupero dei palloni, ma l'Udinese salta sistematicamente il centrocampo.
Pasalic 5,5 - Come il compagno di reparto, solo che cerca di entrare più volte nella retroguardia avversaria (dal 59' De Roon 6 - Corre come un motorino, tentando di contrastare tutti)
Castagne 6 - Meno efficace del solito, probabilmente perché gioca sul piede debole. Dall'altra parte non soffre mai.
Malinovskyi 6,5 - La sfida con Musso è abbastanza divertente, almeno per il portiere friulano che le prende tutte. Peccato che tocchi troppe volte il pallone (dal 52' Muriel 7,5 - Qualche volta sembra svogliato, quando ha la palla però si accende. Poi segna una punizione straordinaria togliendo le ragnatele dall'incrocio, perde un pallone che rischia di innescare il pareggio, infine con una fucilata la spedisce all'angolino e chiude la partita).
Gomez 6,5 - Meno brillante del solito, regala un pallone straordinario sull'1-0 di Zapata. E poi cede un altro pallone a Muriel per il tredicesimo assist stagionale. Non male pensando che cammini (dall'81' Ilicic s.v.).
Zapata 6,5 - La giocata sul gol è divina, ma poi Troost Ekong ci mette il fisico, un po' come Acerbi con la Lazio. E scompare un pelo. Anche perché sono tantissimi a marcarlo.

Sezione: Il Pagellone / Data: Dom 28 giugno 2020 alle 21:35
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print