Atalanta-Udinese 7-1 (12' Okaka, 21' e 43' Ilicic, 35' rig., 48' e 74' rig. Muriel, 51' Pasalic, 82' Traorè)

L'Atalanta distrugge l'Udinese, il miglior attacco del campionato spazza via la ormai ex miglior difesa. Con un 7-1 roboante e spettacolare, i nerazzurri si lasciano così alle spalle i fantasmi di Manchester e si portano al terzo posto in classifica in solitaria grazie a un calcio frizzante, offensivo, spesso inarrestabile.

GIAN PIERO GASPERINI 8 - Il merito è proprio del Gasp, il maestro della premiata scuola di talenti atalantina. La mossa Ilicic anche oggi è a dir poco azzeccata, visto che lo sloveno lo ripaga con un rigore conquistato e una doppietta, oltre a tante giocate decisive. Fa bene a tenere in campo fino alla fine Muriel, che risponde con una tripletta e diventa sempre più il vero bomber di quest'Atalanta. Fa esordire il giovane e attesissimo Traorè, che lo gratifica col suo primo gol in Serie A e parecchie belle speranze per il futuro. Cosa chiedere di più?

Leggi qui le pagelle di TMW dell'Atalanta!

IGOR TUDOR 5 - La sua Udinese parte bene, è attenta e ordinata col solito 3-5-2 e un tandem offensivo ben strutturato con Okaka e Lasagna. Trova pure l'inaspettato gol del vantaggio con l'ex Watford, ma l'esultanza del tecnico croato - grande conoscitore di calcio - è mite e presto si capisce il perché. L'espulsione con rigore di Opoku rovina una settimana di lavoro per preparare la partita, anche se questo non può assolutamente giustificare il fatto che i suoi abbiano completamente staccato la spina già nell'intervallo. Tudor lo sa e nei prossimi giorni si farà sicuramente sentire.

Sezione: Il Pagellone / Data: Dom 27 Ottobre 2019 alle 17:38
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print