La notizia relativa al rinnovo del contratto di Gianluigi Donnarumma col Milan è destinata ad accompagnarci ancora per settimane. Nonostante il basso profilo scelto dalle due parti - da Raiola, che evita accuratamente di parlarne; e dal Milan che si dichiara genericamente 'fiducioso' in ogni intervista - la questione resta sul tavolo e nelle ultime settimane non ha portato a significativi passi in avanti.

Quando le parti si sedettero attorno a un tavolo lo scorso dicembre, la richiesta - al netto dell'inserimento di una clausola e della commissione - fu di un rinnovo con contratto da 10 milioni di euro netti a stagione, 4 in più rispetto all'attuale contratto sottoscritto nel 2017. Il Milan ha recepito la richiesta, ad oggi però non l'ha nemmeno avvicinata. E ha quindi lasciato aperto un tavolo di discussione che verosimilmente darà aggiornamenti concreti solo da aprile in poi.
Questo perché Donnarumma, concentrato sulla stagione del Milan, non ha fretta di chiudere l'accordo. Preferisce anche lui evitare l'argomento, preferisce parlarne a stagione un po' più chiara nel suo andamento. Anche se non retrocede dalla sua posizione.

La trattativa ha quindi ancora tante pagine da scrivere. Ma dove potrebbe andare Donnarumma in caso di addio a parametro zero a giugno? Diversi i club che si sono informati nelle ultime settimane. Anche quelli, come il Manchester City, che non hanno apparentemente bisogno di un nuovo numero uno: Guardiola apprezza molto Donnarumma ma Ederson - pagato 40 milioni di euro nel 2017 - è portiere che oggi gode della fiducia dei citizens. Prendere il portiere della Nazionale vorrebbe quindi dar via il brasiliano classe '93: difficile, non impossibile.
Discorso simile per la Juventus, altra estimatrice di Gianluigi Donnarumma. Ad Agnelli e Paratici l'idea di ripartire il prossimo anno con il portiere della Nazionale a cui verosimilmente assegnare i pali bianconeri per i prossimi 10-15 anni alletta e non poco. E' un'idea che affascina parecchio. Ma prima dovrebbe arrivare l'offerta giusta per Wojciech Szczesny: portiere che per rendimento si sta rivelando all'altezza del compito e che quindi ha una valutazione importante, non inferiore ai 25 milioni di euro.
Discorso diverso per il Paris Saint-Germain. Qui lo scenario cambia perché il PSG - che ha in Keylor Navas il suo portiere titolare - già dalla scorsa estate è alla ricerca di un nuovo numero uno. Piace molto anche Jan Oblak, piace quanto Donnarumma. Che però a differenza dello sloveno è in scadenza di contratto e ad oggi non ha un accordo col Milan per il rinnovo del contratto.

Sezione: Calciomercato / Data: Sab 06 marzo 2021 alle 03:00 / Fonte: TMW
Autore: Redazione TuttoAtalanta.com / Twitter: @tuttoatalanta
Vedi letture
Print